lazio latina giovani democratici latina pendolari forum cisterna di latina ingegneria gd cisterna partito democratico giovani democratici lazio nucleare libera espressione giovani pd giovani democratici politica francesco pompili migrazioni consigliere
.
Annunci online

La voce del progresso! Il blog dei Giovani Democratici di Cisterna

16 gennaio 2012
Rinnovo funzionale
La migrazione è stata necessaria, il cannocchiale ci stava stretto dopo la nascita del canale StatoLiberoTV per la mancanza di molteplici funzioni. Se esistono "followers" ci potrete trovare su: http://www.gd-cisterna.blogspot.com/, il blog si è svecchiato e aggiornato!

20 marzo 2010
L'"eco" antinucleare
Che il nucleare metta paura, non c'è dubbio. Che il nucleare venga preferito a investimenti e ricerca nei nuovi sistemi di produzione elettrica, non c'è dubbio che sia da pazzi.
È da poco che il governo ha dato il via libera alla materia "nucleare", una delle rinomate operazioni inutili, dannose e "alla meno peggio", che oramai accompagnano la vita dell'attuale esecutivo. Basta veramente poco a capire la poca serietà con cui si è affrontato il tema, e riconoscerne l'evidente vocazione populista.
In una visione di un futuro sempre più stretto per ogni umano, il nucleare non c'entra. Ma perché nel nostro paese si deve rinunciare sempre a quel briciolo di lungimiranza,  sempre utile in qualsiasi scenario futuro; perché non si mostra un briciolo di interesse nelle future generazioni?
Perché si rinuncia a scelte di sostenibilità, il tutto in un contesto di potenziamento della ricerca? Non sanno che l'economia si fa con investimenti, in quelli che sono settori d'importanza propulsiva per un qualsiasi sistema Paese. Ricerca e investimenti sono olio e ingranaggi per un'economia viva, sono linfa vitale per un'economia morente.
Ecco la tanto nominata politica del fare; fare finta di nulla. Dare il biscottino da cane all'assuefatto popolo, che crede di avere una succulenta e calda bistecca. I Giovani Democratici non ci stanno, il PD non ci sta, chiunque crede all'energia sostenibile non ci sta. Ci sono miriadi di strade alternative, non sono le strade più facili, sicuramente, e sono anche scelte coraggiose. Da questo è facile capire il motivo per cui l'attuale governo è lontano dal tema: eventuali opere in tema di eco-compatibilità, eco-sostenibilità, non si tradurranno in voti nel breve periodo.
Per dare le nostre risposte, il nostro contributo, la nostra presenza e il nostro supporto a chi crede nella sostenibilità di un futuro senza nucleare, e non solo: volevamo informarvi, sulle prossime iniziative che vedranno i GD di Cisterna, Studenti Democratici e di tutta l'organizzazione provinciale.


Martedì 23 Marzo (mattina), il segretario nazionale del PD, Pierluigi Bersani, sarà a Latina, alle 12:15 sarà  insieme all'organizzazione provinciale e insieme a tutti i Giovani Democratici della provincia di Latina, in un sit-in alla centrale nucleare di borgo Sabotino (Latina).
(Bersani sarà alle ore 10:15 al il mercato di Latina, alle 11:15 incontrerà alcuni lavoratori della Nexans di Borgo Piave)


Martedì 23 Marzo (pomeriggio), si terrà un convegno sul nucleare presso la facoltà di ingegneria di Latina (sede separata de "la Sapienza") con vari professori, esperti del settore che parleranno dell'insostenibilità del nucleare, e delle fonti alternative che si pongono davanti al nostro cammino. (ore 16,00, aula 15, facoltà d'ingegneria, sede di Latina)


4 marzo 2010
mare forza emma
Il contributo programmatico dei Giovani Democratico del Lazio alle elezioni regionali.

Uno degli eventi più attesi dell'anno approda questa volta nella provincia di Latina.
Il "seminario regionale" dei Giovani Democratici rappresenta come ogni volta una grande occasione di crescita per l'organizzazione giovanile di tutto il territorio, in questo caso nel Lazio, e tutto ciò non si arresta nella sola nostra regione. Questo evento non è una "ammucchiata" di giovani senza ne arte ne parte; è tutt'altro, è l'occasione che ha ogni singolo giovane, facente parte di una giovanile di partito di dire la propria. Di ascoltare le altre realtà territoriali, ma anche di dare il proprio contributo.
Tutto collegato da un unico filo conduttore: la nostra regione. È infatti proprio per contribuire alle prossime regionali, che noi GD discuteremo, per arrivare ad una serie di proposte sotto forma di documento programmatico, che verranno consegnate alla nostra candidata alla regione, che è al centro dello slogan, Emma Bonino.
Questo è ciò che ci differenzia da altri partiti, magari di centro-destra, quello su cui puntiamo e su cui ci affatichiamo: la formazione. L'essere aggiornati, propositivi a qualunque età. Imparare a fare politica, una cosa che difficilmente si può apprendere al di fuori dell'azione e del dibattito. Ma in questi casi, cerchiamo di pretendere di più, non ci si limiterà alla piatta esposizione di fatti e alla retorica, ma si vuole essere parte permeanate dell'humus-proposta politica, che è parte conclusiva e non finale di tutte le organizzazioni politiche che possono definirsi tali.


17 dicembre 2009
Il divario digitale

La multiforme miopia dell'amministrazione italiana in una nuova veste

Il governo, in una sua nuova manovra recupera fondi per affrontare la crisi, ha deciso di eliminare gli stanziamenti destinati a diminuire il digital divide, più particolarmente, alla diffusione della banda larga; fondi destinati soprattutto per le attività produttive del paese. E proprio questa sembra essere la solita scriteriata mossa svuota-fondi senza badare allo sviluppo. Una mossa del genere non è un favore alla popolazione, ma è possibile ritenerla una vera e propria operazione di: sostegno al reddito, di chi intende compiere il passaggio alla banda larga; ma anche un addio alla obsolescenza tecnologica. Pure risaputo è che, le scelte d'investimento nello sviluppo tecnologico, nonostante l'ovvio costo iniziale, producono un grande valore nel lungo periodo, che quindi assecondarle, non è la scelta migliore. Non bene buttare queste opportunità dalla finestra, soprattutto in momenti di crisi come questo; e se si vuole veramente tornare più forti e competitivi nel mercato globale, a “tempesta passata”. Altra importante osservazione è bene farla anche quando si parla del confronto con le economie emergenti. Sempre in un mondo dove si teme la competizione di paesi in via di sviluppo, che fanno della loro unica forza il basso costo del lavoro, la scelta di migliorarsi in campo informatico e quindi informativo è di strategica importanza. E dopo tutto, sono queste le possibili opzioni che si pongono in economie mature come quelle che si trovano in Europa, e risultano ancora queste stesse scelte che possono frenare il lento declino che accompagna, la nostra economia, già da prima della crisi. Declino dovuto proprio alla mancanza di innovazione. Colmare il divario digitale è un compito, che, purtroppo, si è visto non eccellentemente risolto, nelle solite soluzioni “all'italiana”; ovvero, uno sviluppo tecnologico, e digitale, sempre troppo a “macchia di leopardo” dovuto sempre ed esclusivamente ad alcune amministrazioni territoriali, o gruppi organizzati che tengono a cuore la questione. Deve essere riconosciuto che è necessario un processo unitario di minimizzazione del digital-divide, e che tutto possa andare a favore del capitale umano del sistema Italia.

Manuel Mena




permalink | inviato da manuelgdc il 17/12/2009 alle 9:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

28 agosto 2009
I Giovani Democratici di Cisterna si preparano al Congresso
Il Congresso Nazionale del Partito Democratico di ottobre rappresenta il punto di passaggio obbligato, per costruire un partito vero, vissuto, da iscritti, sostenitori, elettori. Per molti giovani di questo partito, è la prima occasione di essere protagonisti di una scelta di linea politica coerente, non calata dall'alto con la scure,e noi ci siamo gettati a capofitto nella sfida, consapevoli di un compito fondamentale, mettere sul tavolo del prossimo leader le questioni che più stanno a cuore agli under 30,e troppo spesso dimenticate, se non colpevolmente represse. Da parte nostra, noi ragazzi del circolo di Cisterna stiamo facendo un percorso formativo, che ci consenta di far fruttare questa esperienza, per iniziare a comprendere il funzionamento della macchina politica, tanto complessa quanto oscura, dimodoché ognuno di noi abbia gli strumenti per accedervi, senza la ricerca disperata della poltrona,ma poiché urge un ricambio generazionale. D'altra parte i congressi, sono gli unici momenti della scena politica nazionale, in cui veramente si discute di programmi e obiettivi concreti, quindi sono i migliori per accostarvisi, senza restare schifati, o quanto meno indifferenti. Noi stiamo aiutando il partito locale nella difficile organizzazione dell'Assemblea di Circolo di settembre, a cui partecipano tutti gli iscritti alla data del 21 luglio,ma che è aperta anche agli altri iscritti e simpatizzanti, e della Convenzione Provinciale, da tenersi entro il 4 ottobre, a cui parteciperemo, anche con nostre liste. Infine, molto probabilmente alcuni ragazzi della Federazione Provinciale andranno al Congresso Nazionale, in quanto noi non siamo soltanto strumenti di consenso, ma una grande risorsa, che il partito, a tutti i livelli, dovrà sfruttare, se davvero  intende presentarsi all'appuntamento con le urne con reali chances di successo (la prima grossa sfida saranno le impegnative regionali del 2010).

Stefano Conticello



permalink | inviato da stefanoGDCisterna il 28/8/2009 alle 16:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

23 giugno 2009
La moda che non tramonta

Sembra essere la moda dell’ultimo momento: tutti politici dell’ultima ora! anche quando di politica non ci si è mai interessati e comunque non si hanno le competenze fondamentali in materia. Se questo è un fenomeno che si nota in larga scala nella politica nazionale,anche quella terriotoriale non è da meno. I GD di cisterna voglio evidenziare come, anche dalle ultime tornate amministrative, siano uscito un preoccupante quadro fatto di alcuni personaggi,eletti, che non conoscono nemmeno gli strumenti con i quali avranno a che fare durante la loro permanenza in tale posizione. I comportamenti controproducenti,purtroppo, non finiscono qui. Uno tra quelli che i Giovani democratici vogliono portare alla luce è,di chi, conosciuto come appartenente dell’area della sinistra, si è candidato tra le file del centro-destra, credendo di aver maggiore risonanza elettorale.Speranze alcune volte disattese dai reali risultati delle elezioni, che non li ha visti essere all’altezza delle loro attese. I GD si rivolgono anche direttamente alla popolazione, chiamandola all'attenzione. Questa area ha ben pescato fra tutti coloro che hanno “svenduto” i loro voti in cambio di qualche misero favore, non sapendo che milto spessa il favore corrisponde ad un reale diritto dell’elettore che viene negato in cambio di qualcosa che normalmente gli spetterebbe.

In questi momenti i GD di Cisterna vogliono far notare la propria presenza. La nostra attività sarà volta a  informare: cosa spetta a ogni singolo cittadino e come far valere i propri diritti. La presenza dei GD, verrà a pesare nei momenti in cui ci sarà da controllare la reale capacità e il corretto svolgimento dei lavori in sede amministrativa. Verranno poste sul “banco pubblico” iniziative e proposte, senza aspettare il risveglio di una mummificata classe politica che aspetta soltanto le elezioni per farsi notare.


Manuel Mena




permalink | inviato da stefanoGDCisterna il 23/6/2009 alle 19:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

22 giugno 2009
Grazie a Marrazzo trasporti gratis per studenti sotto i 25 anni. Fatene richiesta!
Dal sito della Regione Lazio

21/06/09 - «Un aiuto concreto a tanti ragazzi e disoccupati che usano il trasporto pubblico per i loro spostamenti. Un impegno per garantire a tutti la fondamentale libertà di muoversi. Questo provvedimento continua sulla strada intrapresa dalla nostra amministrazione in questa fase».

Questo il commento del Presidente Marrazzo al provvedimento che dal primo settembre consentirà a ragazzi residenti nel Lazio tra i 10 e i 25 anni di età e un ISEE inferiore ai 20 mila euro all'anno e a molti disoccupati di viaggiare gratuitamente con i mezzi del trasporto pubblico locale.

La delibera regionale, che ha previsto nell'ultima Finanziaria regionale uno stanziamento di 12 milioni l'anno fino al 2011, è stata approvata il 29 maggio scorso e dovrebbe coinvolgere più di 300 mila giovani. Per gli studenti e i lavoratori l'esenzione coprirà la tratta che va dal Comune di residenza al luogo di studio o di lavoro, anche se questo si trova in regioni limitrofe. I disoccupati potranno, invece, beneficiare di titoli gratuiti per i trasporti locali oppure per recarsi dal comune di residenza al capoluogo della loro provincia.

Verrà stilata una graduatoria basata esclusivamente sul reddito: si può aderire e compilare la domanda dal sito dell'assessorato regionale alla Mobilità.

«Il nostro obiettivo - ha detto l'assessore alla Mobilità, Franco Dalia- è quello di intervenire con decisione sul sistema della mobilità per rendere i mezzi di trasporto più attraenti e maggiormente fruibili Allo stesso tempo non potevamo rimanere indifferenti verso questioni di giustizia sociale».

L'assessore regionale al Bilancio, Luigi Nieri ha aggiunto: «Offrendo ai più giovani la possibilità di fruire gratuitamente del trasporto pubblico la Regione Lazio prosegue la politica di aiuti alle famiglie e alle imprese intrapresa con l'ultima finanziaria regionale».

Per compilare la richiesta di esenzione dei trasporti: http://www.regione.lazio.it/sisetLazio/security_login.flyingWeb



permalink | inviato da stefanoGDCisterna il 22/6/2009 alle 0:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

4 maggio 2009
Il Seminario degli Stati Generali dei Giovani Democratici di Alatri, al quale abbiamo partecipato e l'incontro "Scriviamola insieme"
 
Il seminario di Alatri

L'incontro "Scriviamola insieme"




permalink | inviato da stefanoGDCisterna il 4/5/2009 alle 13:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

4 maggio 2009
Francesco Pompili: "Università Evanescente" a Latina, fondi indiscriminati ad associazioni e bocca asciutta per gli studenti!
Viviamo una crisi da alcuni definita epocale, con il 50% delle famiglie italiane che si sentono povere. Non abbiamo fondi per le nostre università e ultimamente si sta parlando di chiudere, ancora una volta, il corso di Biotecnologie Agro-Industriali di Latina e di portarlo in via definitiva a Roma. Il clima è pessimo ma, in mezzo a tanto grigiore, ecco finalmente un’isola felice: Studenti Pontini. L’associazione latinense, affiliata all’Università di Latina, che ha organizzato la nota kermesse “E…state al campus” non solo si è vista arrivare dall’amministrazione comunale il denaro pattuito, pari a 53mila euro; ora ha chiesto anche 20mila euro per “spese urgenti” e questi soldi sono stati immediatamente stanziati. Rischiamo di vederci aumentare le tasse universitarie nei prossimi semestri per via degli indiscriminati tagli di un governo che ha fatto scendere in piazza milioni di studenti; Ingegneria aspetta da tempo i finanziamenti da parte dell’amministrazione, eppure ancora sembrano un miraggio. Nel frattempo, però, un’associazione riceve migliaia di euro per attività varie di cui non si sa assolutamente nulla. “Università Evanescente”, ecco come definire il Polo Pontino, con un’amministrazione che prima promette di supportare gli studi fiorenti e importanti della nostra Facoltà di Ingegneria e poi ci abbandona a noi stessi. Io, dal canto mio, se vedrò aumenti indiscriminati nelle tasse universitarie, per i prossimi semestri, prometto che non starò con le mani in mano e farò in modo di portare ancora in piazza gli studenti a manifestare. Il diritto allo studio è sacrosanto e nessun governo può distruggere il lavoro e i sacrifici di migliaia di studenti. Latina avrà sempre la sua università e nessuno è autorizzato a spremere noi studenti come fossimo biechi clienti di una costosa azienda.



permalink | inviato da stefanoGDCisterna il 4/5/2009 alle 13:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

16 febbraio 2009
Francesco Pompili: il dibattito e le proposte fatte al C.d'A. di Ing. Ambiente e Territorio di Latina

Il Rappresentante e Consigliere di Facoltà Francesco Pompili riporta le notizie apprese nel Consiglio d’Area di Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio di Latina, tenutosi l’11 febbraio scorso. Anzitutto è imminente lo stanziamento dei fondi per la succursale latinense della Facoltà di Ingegneria di Roma; i duecentomila euro promessi dall’amministrazione potranno essere percepiti nel giro di poche settimane. Si è parlato finalmente della creazione di un Dipartimento a Latina, che svincolerebbe la succursale dalla dipendenza con Roma. La Facoltà di Medicina di Latina sta già costituendo un Dipartimento che verrà attuato, per quanto è dato sapere, entro l’estate. Un Dipartimento creerebbe a Latina quel mirabile Polo che la docenza auspica da tempo. Nel mentre, come asserisce il Prof. Giuseppe Bonifazi, se l’amministrazione comunale di Latina fornisse in maniera continuativa i promessi fondi, sarebbe possibile pagare le supplenze e creare le strutture adeguate allo svolgimento della didattica. Per il momento è il CSSP (Centro Servizi Sede Pontina) che, pur avendo disponibilità economiche limitate, costituisce l’unico contenitore in grado di erogare i finanziamenti necessari.  Il Rappresentante Pompili dice, a proposito dei fondi tanto attesi che: "Quello che ci siamo lasciati alle spalle non è certo stato un anno accademico tranquillo,  come si sente dire da alcuni in Facoltà,  stante il fatto che la legge 133 ha spiazzato docenti e studenti, peraltro entrando in conflitto con il Trattato di Lisbona, che regola il diritto allo studio in tutti i Paesi della Comunità Europea".

Per quanto riguarda la didattica, giacché il Consiglio ha già stabilito, conformemente alla legge, le modifiche agli ordinamenti degli studi delle lauree triennale e magistrale, il Rappresentante non ha sollevato obiezioni. Unica nota è costituita dall’istituzione delle propedeuticità nella laurea magistrale, sulle quali si discuterà nei prossimi Consigli; il Rappresentante Pompili cercherà, in questo, di creare un dibattito per favorire gli studenti e rendere il loro carico di studio il più equo possibile.

Francesco Pompili ha poi proposto in Consiglio, in virtù dell’indizione di un evento per pubblicizzare l’Ateneo, previsto per il 26 marzo prossimo, l’allestimento, in apposite aule, di una mostra temporanea inerente le attività della Facoltà di Ingegneria, con particolare riguardo alle attrezzature, agli elaborati e all’offerta formativa. All’uopo, Pompili intende reperire un gruppo di studenti che si interessi della redazione di una relazione espositiva da rivolgere agli studenti degli ultimi anni delle scuole superiori.

Non ultima è l’idea del Rappresentante Pompili di predisporre una nuova aula rappresentanti che costituisca, come già pensato in campagna elettorale dal medesimo, una reale interfaccia tra il mondo studentesco e il corpo docente. Si profila infatti la possibilità di avere una nuova aula-sportello che sarà scelta tra le tre aule che saranno ristrutturate nella sede di Viale Andrea Doria con i fondi del suddetto CSSP. La destinazione delle aule sarà oggetto di discussione di un’apposita commissione, della quale Pompili si propone di far parte.  




permalink | inviato da stefanoGDCisterna il 16/2/2009 alle 20:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia marzo